ANREC

Switch to desktop Register Login

REVISORI E TIROCINANTI rendetevi protagonisti

Carissimi lettori,  esprimete le vostre osservazioni  sulla guida per i tirocinanti voluta dalla MEF. 

La Ragioneria generale dello Stato ha indetto una consultazione pubblica che ha per oggetto lo schema delle linee guida relative ai modi di svolgimento del tirocinio professionale presso i revisori legali, che riguarda tanto i tirocinanti quanto i domini, al fine di delineare regole in genere rispettate da entrambe le parti.

Il testo, distribuito in bozza dal Dipartimento, potrà essere oggetto di osservazioni e puntualizzazioni da parte di esperti, istituzioni o enti rappresentativi della professione fino al 7 dicembre prossimo. Gli interessati dovranno esporre le loro valutazioni attraverso l’apposito modello disponibile online, da compilare e spedire via PEC. 

L’indirizzo a cui inviare il rilievo è Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." title="">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

files/Modulo_consultazione_compilabile.pdf

files/Linee_Guida_tirocinio_presso_revisori_legali.pdf

Visite: 5

Caro Ministro ci spieghi perchÈ le imprese non soggette a revisione legale dei conti e prive di collegio sindacale debbono avvalersi solo delle societÅ di revisione e non anche di singoli revisori?

A proposito del controllo della documentazione  del Credito d’imposta per spese di formazione 4.0 previsto nella Legge di Bilancio 2018

Premesso che, il credito d’imposta per attività di formazione 4.0 rivolta ai dipendenti può essere oggetto di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate qualora venga accertata un’indebita fruizione.
Dalla Legge di Bilancio 2018 si evince che tali controlli saranno svolti partendo dalla documentazione contabilecertificata ed allegata al bilancio redatta dal soggetto incaricato della revisione legale o dal collegio sindacale o da un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali.
Qualora le imprese non siano soggette a revisione legale dei conti e siano prive di un collegio sindacale, dovranno comunque avvalersi di una società di revisione legale dei conti iscritti nell’apposito registro.Quanto sopra citato in tema di controllo non vale per le imprese con bilancio certificato.
 
Le disposizioni applicative necessarie relative alla misura, le modalità di verifica e controllo dell'effettività delle spese sostenute, le cause di decadenza e revoca del beneficio, le modalità di restituzione del credito d'imposta di cui l'impresa ha fruito indebitamente.

 

Visite: 4

Elenco dei revisori dei conti degli enti locali - Presentazione delle nuove domande di iscrizione nell’elenco in vigore dal 1° gennaio 2018 e adempimenti per i soggetti già iscritti.

Publichiamo il comunicato del 24 ottobre 2017 del Dipartimnto per gli Affari Interni e Rerritoriali

"Con decreto ministeriale del 24 ottobre 2017, è stato approvato l’avviso relativo alle modalità e ai termini per l’iscrizione nell’Elenco dei revisori dei conti degli enti locali che sarà in vigore dal 1° gennaio 2018.

La richiesta di mantenimento dell’iscrizione nell’elenco da parte dei soggetti già iscritti e la presentazione di nuove domande di iscrizione nello stesso, dovranno avvenire esclusivamente per via telematica, perentoriamente dal 2 novembre 2017 alle ore 20.00 del 14 dicembre 2017, secondo le modalità stabilite nel suddetto avviso.

Per la presentazione delle domande è necessario accedere alla pagina internet www.finanzalocale.interno.it/ser/revisori_intro.html e seguire le istruzioni a video, ulteriormente esplicitate nel MANUALE UTENTE e nelle F.A.Q.

Al fine di garantire la massima semplificazione nei rapporti con la pubblica Amministrazione, anche nella presente fase di iscrizione, l’Ufficio preposto (www.finanzalocale.interno.it/ser/revisori/rev_contatti.html) garantirà assistenza amministrativa e tecnica, sia telefonicamente che per posta elettronica.

Infine, i soggetti che risultano iscritti all’elenco in vigore dal 1° gennaio 2017, qualora confermino tutti i dati dichiarati nell’iscrizione relativa al 2017, per dimostrare il permanere dei requisiti relativi alla propria iscrizione nell’elenco devono semplicemente inserire i crediti formativi conseguiti nell’anno e chiudere la domanda, seguendo la procedura indicata a video, senza doverla firmare digitalmente e trasmettere via pec.

Analoga comunicazione sarà data, tramite pec, a tutti gli iscritti e a coloro che nei precedenti periodi si sono registrati nel sistema."

Visite: 144

Aggiornamento obbligatorio : I crediti formativi scadenti il 31 dicembre 2017 possono essere conseguiti entro il 31 dicembre 2018

Per giustificare ritardi ed inadempienze il Ministero dell'Economia e delle Finanze ricorre   a misure eccezionali, per  gli iscritti al Registro dei Revisori Legali. Il succo della cicolare  del 19 ottobre 2017 n. 189713,  è che i crediti formativi per l'anno 2017,  possono essere conseguiti fino alla data del 31/12/2018.  Con questa circolare i revisori legali possono rinviare fino al 31 dicembre 2018 la formazione del 2017, a condizione di maturare  nell'anno 2018 un totale di  40 crediti formativi (20 per il 2017 e 20 per il 2018). E' utile ricordare che,  almeno 20 ore di formazione debbono  riguardare materie caratterizzanti (Gruppo "A")  e altre  20 scelte tra le materie di cui al  gruppo "B" e "C". Si ricorda, che nel gruppo B, sono state aggiunte con  determina n.183112  dell'11 ottobre 2017, materie  di finanza locale i cui crediti possono essere fatti valere ai fini della formazione dei revisori negli enti locali.

Clicca qui per la circolare

Visite: 40

Formazione MEF obbligatoria e valida anche per i revisore degli enti locali

Il nuovo programma dei corsi istituiti con la Determina  del MEF n. 183112 dell'11 ottobre 2017 i revisori degli enti locali possono assolvere all'obbligo formativo per 20 crediti frequentando un corso  con gli enti accreditati daò MEF.

Di seguito le materie aggiunte alla determina del marzo c.a.

GRUPPO B. SUB 1.

31. Contabilità pubblica e gestione economica e finanziaria degli enti territoriali

32. Le società partecipate: le definizioni il piano di razionalizzazione – la crisi d’impresa – la responsabilità

33. Le società partecipate: governance personale norme finanziarie 34. Il piano dei conti integrato

35. Il controllo e la responsabilità degli amministratori e dei sindaci degli enti locali per le società pubbliche

36. Il riaccertamento ordinario dei residui – verifiche e parere dell’organo di revisione 37. Le verifiche dei revisori sul carteggio crediti dubbia esigibilità (preventivo consuntivo)

38. Le variazioni di bilancio le competenze dei responsabili dei servizi e del responsabile del servizio finanziario le eventuali responsabilità amministrative per omissione

39. Spese di personale, turn over e limiti alle assunzioni: ultime novità 40. Gli equilibri di bilancio negli enti locali
41. Gli acquisti in convenzione consip
42. La copertura finanziaria degli investimenti pluriennali

43. Il ruolo della Corte dei conti nel sistema delle autonomie
44. Le variazioni di bilancio
45. Il sistema dei controlli interni negli enti locali
46. Il risultato di amministrazione: la determinazione dei fondi e il loro utilizzo. L’avanzo libero e gli investimenti per il ripiano dell’eventuale disavanzo

47. Le attività comunali soggette ad IVA e i controlli dei revisori

48. Valutazione e iscrizioni in bilancio della partecipazioni senza titoli partecipativi. Fondazioni, associazioni e altri organismi
49. Responsabilità per danno erariale nelle società partecipate ed in quelle in house providing alla luce delle nuove norme di cui al T.U. partecipate e D.l.gs. 50/2016 (codice appalti). 

Visite: 51

COME DEVE SVOLGERE LA FORMAZIONE CONTINUA IL REVISORE LEGALE

A seguito dell’accordo stipulato tra la nostra associazione e l’A.N.P.A.R. (www.anpar.it), il revisore legale dei conti può acquisire i crediti formativi utili ai fini della formazione continua, decidendo di prendere parte a corsi che siano programmati da quest’ultima che è  accreditata dal MEF, quale organismo idoneo alla formazione continua dei revisori legali, in E-LERNING con collegamenti H/24 in piena libertà e autonomia.

L'accordo tra le due organizzazioni prevede che  il costo del corso  per tutti quelli che si registrano o si sono già registrati alla nostra associazione linkando su ACCEDI gratuitamente possono accedere alla piattaforma A.N.P.A.R.  per maturare i 20 crediti formativi obbligatori al  costo  €. 250 (duecentocinquanta). Il costo del corso è fiscalmente detraibile per intero.

A quali obblighi deve assolvere il revisore entro la data del 31/dicembre 2017?

Non oltre la data del 31 dicembre di ogni anno, a partire dal 2017 e fino al 2019, i revisori legali, iscritti alla sezione A e B (c.d.inattivi),  hanno l’obbligo formativo per mantenere  l’iscrizione al Registro dei revisori legali, L’obbligo del 2017 s’intente avverato, se, entro  la fine dell’anno sono stati raggiunti 20 crediti formativi (un‘ora di corso vale 1 credito formativo), rilasciati da ente accreditato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (M.E.F.  elenco accreditati).

Il M.E.F., alla fine del corso, dopo la verifica della corrispondenza per ciascun revisore degli argomenti riguardanti le materie caratterizzanti (per almeno 10 crediti formativi) e degli altri argomenti che si riferiscono a materie oggetto di offerta formativa, esegue il riconoscimento dei crediti formativi.

Il D. Lgs. N . 39/2010 con l’articolo 5 (comma, 2) ha stabilito che:

Almeno dieci crediti formativi, in ogni annualità, devono riguardare le successive materie caratterizzanti come gruppo “A” ( allegato 3 della circolare  2672017).

A. 1. Gestione del rischio e controllo interno;

A.2 Principi di revisione nazionale e internazionali

A.3 Disciplina della revisione legale

A.4 Deontologia professionale e indipendenza

A.5 Tecnica professionale della revisione

2) Gli altri dieci crediti formativi possono essere conseguiti attraverso le cosiddette materie non caratterizzanti (gruppi “B” e “C” della richiamata circolare.)

B.1 Contabilità generale

B.2 Contabilità analitica e di gestione

B.3 Disciplina del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato

B.4 Principi contabili nazionali e internazionali

B.5 Analisi finanziaria

C.1 Diritto civile e commerciale

C.2 Diritto societario

C.3 Diritto fallimentare

C.4 Diritto tributario

C.5 Diritto del lavoro e della previdenza sociale

C.6 Informatica e sistemi operativi

C.7 Economia politica, aziendale e finanziaria

C.8 Principi fondamentali di gestione finanziaria

C.9 Matematica e statistica

I crediti formativi acquisiti sono validi anche ai fini della formazione continua dell’ordine professionale di appartenenza (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro, ecc.).

Svolgimento dei corsi anno 2017 (settembre/dicembre)  per il raggiungimento dei 20 crediti formativi, possono essere acquistati inviano la scheda allegata direttamente alla piattaforma ANPAR.

I corsi sono costituiti da massimo 20 lezioni annue di circa 1 o più ore (per ogni ora è previsto un credito formativo) , per un totale complessivo di 20 ore, attraverso piattaforma E-LEARNING.

• le lezioni saranno rese disponibili dal momento della pubblicazione sulla piattaforma fino al 31 dicembre 2017, le relative credenziali di accesso saranno comunicate al discente al ricevimento della scheda con allegato bonifico.

• l'iscritto può accedere alla lezione in qualsiasi momento della giornata e collegarsi e/o ricollegarsi alla lezione secondo i suoi impegni senza limiti di tempo


• ogni singola lezione dopo la pubblicazione, resta in linea per tutta la durata del corso (chiusura triennio formativo ministeriale 30 dicembre 2019)



Crediti formativi e attestati


- Al termine di ogni lezione, al superamento del test di verifica finale se previsti, il discente può scaricare personalmente l'attestato valido ai fini della formazione professionale continua da esibire al proprio ordine di appartenenza.

All'A.N.P.A.R. quale ente accreditato dal MEF compete il compito entro la data del 31 marzo 2018 di attestare la regolarità nel rispetto del programma formativo riconosciuto dal medesimo, dei crediti conseguiti. 

Visite: 155

VADEMECUM DELL’OBBLIGO FORMATIVO PER I REVISORI LEGALI

Non oltre la data del 31 dicembre di ogni anno, a partire dal 2017 e fino al 2019, i revisori legali hanno l’obbligo formativo per mantenere  l’iscrizione al Registro dei revisori legali, L’obbligo del 2017 s’intente avverato, se, entro  la fine dell’anno sono stati raggiunti 20 crediti formativi, rilasciati da ente accreditato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze(M.E.F.  elenco accreditati).

Il M.E.F., alla fine del corso, dopo la verifica della corrispondenza per ciascun revisore degli argomenti riguardanti le materie caratterizzanti (per almeno 10 crediti formativi) e degli altri argomenti relativi a materie oggetto di offerta formativa effettua il riconoscimento dei crediti formativi.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con la circolare n. 26 del 6 luglio 2017, ha chiarito quali sono gli obblighi di formazione continua dei revisori legali e quali sono i doveri dei soggetti competenti a proporre la formazione continua.

Il D. Lgs. N . 39/2010  con l’aticolo 5 (comma, 2) ha stabilito che:

1)   Almeno dieci crediti formativi, in ogni annualità, devono riguardare le successive materie caratterizzanti come gruppo “A” ( allegato 3 della circolare  2672017).

A.1. Gestione del rischio e controllo interno;

A.2 Principi di revisione nazionale e internazionali

A.3 Disciplina della revisione legale

A.4 Deontologia professionale ed indipendenza

A.5 Tecnica professionale della revisione

2)  Gli altri dieci crediti formativi possono essere conseguiti attraverso le cosiddette materie non caratterizzanti (gruppi “B” e “C”   della richimata circolare).

B.1 Contabilità generale

B.2 Contabilità analitica e di gestione

B.3 Disciplina del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato

B.4 Principi contabili nazionali ed internazionali

B.5 Analisi finanziaria

C.1 Diritto civile e commerciale

C.2 Diritto societario

C.3 Diritto fallimentare

C.4 Diritto tributario

C.5 Diritto del lavoro e della previdenza sociale

C.6 Informatica e sistemi operativi

C.7 Economia politica, aziendale e finanziaria

C.8 Principi fondamentali di gestione finanziaria

C.9 Matematica e statistica

3) MATERIE “NON RIPETITIVE”

Aspetto delicato è quello attinente al “non ripetersi” delle materie prese in esame nel corso del triennio.

L’adesione, nell’arco dello stesso triennio, a corso simile per due o più volte oppure a due o più corsi riguardanti il medesimo argomento, permette al revisore legale di maturare i corrispondenti crediti solamente una volta.

A precisazione la circolare fa due esempi: il revisore non acquisirebbe ulteriori crediti ripetendo la partecipazione, nel 2018, a un medesimo corso già frequentato nel 2017, così come se partecipasse a due corsi riguardanti, ad esempio, il medesimo principio professionale di revisione.

4) SOGGETTI IDONEI A OFFRIRE LA FORMAZIONE CONTINUA

Quanto alla formazione frontale, l’esercente e l’attività di revisore legale dei conti può acquisire i crediti formativi utili ai fini della formazione continua, decidendo di prendere parte a corsi che siano programmati da società o enti pubblici e privati accreditati dal MEF attraverso la sottoscrizione di giusta convenzioneovvero attraverso il riconoscimento della formazione obbligatoria accreditata dall’albo professionale d’iscrizione. Per esempio: se, un dottore commercialista aderisce a un corso accreditato ai fini della formazione professionale continua dall’Ordine e le materie trattate sono uguali al programma annuale del MEF, questi acquisisce

1)   sia i crediti formativi per la formazione continua dei Dottori commercialisti ed esperti contabili

2)   che quelli per la formazione continua degli iscritti nel Registro dei revisori legali,

indipendentemente dal fatto che l’ente di formazione sia o meno accreditato dal MEF ( “principio di equivalenza”, punto 2.3 circolare 26 MEF e ex articolo 5, comma 10, D.Lgs. 39/2010).

Visite: 162

FORMAZIONE CONTINUA REVISORI LEGALI

Importante accordo di collaborazione con  A.N.P.A.R.  (Associazione Nazionale per l'Arbitrato e la Conciiazione)  per la formazione continua dei revisori legali. 

Con decorrenza  1° agosto 2017  l'A.N.P.A.R. è stata accreditata quale ente privato riconosciuto per la formazione continua dei revisori legali dal Ministero dell'Economia e Finanza.

Visite: 56

Per migliorare i servizi resi, in questo sito vengono utilizzati i cookie. Continuando la navigazione acconsenti al loro uso.